Le nostre aree di intervento

All’interno del quadro generale descritto, le iniziative supportate si concentrano in alcune aree di intervento anche in virtù della connessione con il nostro business:

  • salute e sicurezza;
  • inclusione socioeconomica;
  • caring for tomorrow.

Salute e sicurezza

In quanto assicuratori, ci occupiamo della salute delle persone e dei rischi che possono minacciarla, siano essi malattie o conseguenze di incidenti di vario tipo, in particolare automobilistici. Per questo motivo, una parte importante delle iniziative sostenute è costituita da attività di sensibilizzazione ed educazione nel campo della salute che hanno come obiettivo l’invecchiamento attivo della popolazione, la prevenzione di malattie e dipendenze, la salute materna e neonatale e l’adozione di stili di vita salutari.
Vengono qui considerate anche le iniziative sportive dilettantistiche, in particolare quelle dedicate ai bambini e ai giovani, in quanto riteniamo che lo sport sia un ottimo veicolo per promuovere i valori di una vita sana e responsabile.

A titolo esemplificativo delle iniziative sostenute in quest’area, citiamo in Cina il Lokar Bianca Growth Plan, un programma che ha lo scopo di aumentare gli standard nutrizionali dei bambini di due scuole primarie nelle province dello Yunnan e del Sichuan. I fondi permettono a ogni bambino delle scuole di ricevere un uovo al giorno.

In Bulgaria sponsorizziamo un torneo nazionale di calcio per ragazzi dai 10 ai 14 anni nelle città di Burgas, Varna e Stara Zagora. Il torneo è parte di un programma implementato dall’Associazione Bulgara di Calcio e dal Ministero dello sport ed è l’unica iniziativa di questo tipo in tutto il territorio. Lo scopo del progetto è molteplice: da un lato vi è lo sviluppo fisico dei bambini, dall’altro il fatto che, in un contesto di alta dispersione scolastica, i bambini che partecipano al programma hanno la possibilità di accedere a scuole dedicate e di continuare gli studi.

In Germania, da anni il Gruppo assegna, in partnership con l’associazione Allianz Chronischer Seltener Erkrankungen (ACHSE), il premio ACHSE-Central-Award dedicato alle persone con malattie rare croniche. Quest’anno il premio è stato assegnato a Kinder-Augen-Krebs-Stiftung (KAKS), che si occupa di ricerca e sostegno ai familiari di bambini malati di tumore agli occhi.

L’associazione è impegnata anche in attività di formazione sulla malattia che, se diagnosticata tempestivamente, può essere curata, mentre spesso per mancanza d’informazione i sintomi non vengono riconosciuti, portando alla morte chi ne viene colpito.

Sul fronte della sicurezza stradale ci focalizziamo, oltre che su iniziative di educazione/sensibilizzazione, su progetti per migliorare la sicurezza stradale (segnaletica, sede stradale, illuminazione, ecc.) e su attività a sostegno delle persone coinvolte in incidenti.

Road safety

In Repubblica Ceca sono numerose le iniziative inerenti alla sicurezza stradale, in particolare il progetto Vymoly si propone di rendere le strade più sicure attraverso un monitoraggio continuo delle buche stradali. Tramite un sito internet dedicato e una App, il pubblico in generale può segnalare le buche del manto stradale in cui si imbatte nei propri spostamenti. Le segnalazioni vengono inserite nel sito internet, in modo che tutti i viaggiatori possano essere messi al corrente del pericolo, e gli addetti alla manutenzione stradale possano occuparsi del ripristino del manto.

Il sito internet offre:

  • una banca dati aggiornata sulle buche stradali;
  • informazioni sulle strade in condizioni critiche;
  • foto e video di tratti di strada particolarmente pericolosi, con la possibilità di valutarli e aggiornare il loro stato di degrado;
  • informazione sui rischi e i danni che possono provocare le strade dissestate;
  • suggerimenti e consigli su come procedere e chi contattare in caso di danni al veicolo;
  • interviste con rappresentanti delle autorità competenti.

Inoltre, vi è l’opportunità di partecipare a concorsi a premi in cui si premia la buca peggiore della settimana e quella dell’anno nonché l’utente che ha segnalato il maggior numero di buche.

Il grande successo riscosso dall’iniziativa ha portato ad estenderla anche alla Slovacchia e all’Ungheria.

Inclusione socioeconomica

In un quadro di generale crisi economica siamo attenti anche ai problemi sociali, con particolare riguardo ai temi dell’occupazione e integrazione. Sosteniamo iniziative per l’inserimento/reinserimento sociale e lavorativo e per il recupero giovanile, sia nel contesto scolastico sia in quello lavorativo.

Crediamo nel valore della diversità: per questo diamo il nostro supporto a iniziative per lo sviluppo delle abilità personali rivolte a gruppi misti per sesso, razza e disabilità, e a progetti per l’integrazione sociale di persone svantaggiate (poveri, immigrati, disabili, ecc.) nella scuola, nel lavoro, nello sport e in ambito culturale.

In questo contesto, in Spagna è stata sottoscritta una collaborazione con DKV Integralia, una fondazione che ha come obiettivo l’integrazione sociale e lavorativa delle persone con disabilità, con lo scopo di aiutare i disabili a trovare lavoro nella città di Badajoz.
Da questo progetto è nato Integracall, un servizio di assistenza telefonica rivolto e gestito da disabili, al quale abbiamo contribuito mettendo a disposizione la tecnologia necessaria e corsi di formazione per gli operatori.

A Panama collaboriamo invece con Casa Esperanza, un’organizzazione che si occupa di eliminare il lavoro minorile di bambini che vivono in condizioni di estrema povertà. L’intervento di Generali consente ai bambini di ritornare a scuola e avere accesso all’educazione, mentre alle famiglie viene garantito un reddito di base sufficiente a coprire i loro bisogni.

In quanto Gruppo finanziario, riteniamo di fondamentale importanza attuare programmi di educazione finanziaria e assicurativa per avvicinare le persone ad argomenti importanti per la vita di ciascuno, ma spesso scarsamente conosciuti. È di pari rilevanza anche garantire l’accesso a prodotti assicurativi/ finanziari con prestazioni di base anche alle persone con un basso reddito.
A tale proposito, in Italia, in partnership con SIF Chair of Social Entrepreneurship e l’Università Bocconi di Milano, abbiamo sostenuto la scuola di formazione per gli operatori del microcredito della Comunità di San Patrignano. La scuola ha il compito di formare un team di specialisti/operatori che si occuperà di:

  • assistere i ragazzi che intendono avviare una microimpresa nell’elaborazione del business plan;
  • selezionare le richieste di accesso al microcredito bancario sulla base di requisiti imprenditoriali.

Il primo corso si è tenuto da maggio a dicembre 2013, per un totale di 200 ore di attività didattiche, e si è concluso con la consegna di 22 diplomi ad operatori che sono diventati essi stessi formatori. Attualmente a San Patrignano questi giovani sono responsabili sia di stimolare la nascita delle idee progettuali da parte dei ragazzi e delle ragazze in fase avanzata del loro percorso di recupero, cioè a partire dal terzo anno, sia di affiancarli nella trasformazione delle idee in veri e propri business plan.

Il progetto finanzierà gli ospiti della comunità, che, terminato il percorso di riabilitazione della durata di 4 anni, intendono reinserirsi nel mercato del lavoro. A questo fine è stato creato all’interno della Comunità il Centro Studi e Formazione Professionale, nella convinzione che lo studio e la formazione professionale siano leve fondamentali per il successo del recupero dalla tossicodipendenza e propedeutiche al reinserimento lavorativo.

In Brasile è attualmente in corso un progetto pilota in collaborazione con Center for Digital Inclusion (CDI), un’organizzazione non governativa che si propone di migliorare la vita delle persone attraverso l’inclusione tecnologica. Tale iniziativa, che ha come beneficiari gli abitanti delle baraccopoli, si sviluppa lungo due direttrici: la definizione di piani di microassicurazione comprendenti prodotti vita e a copertura delle spese funerarie e la formazione assicurativo/finanziaria di persone appartenenti alle comunità per la vendita di tali prodotti.

Caring for tomorrow

Un’altra caratteristica del nostro business è il fatto che si basa su attività di lungo periodo e sul rapporto di fiducia fra noi e i nostri clienti. Questi elementi ci portano naturalmente a prenderci cura e preservare nel lungo periodo ciò che di bello abbiamo oggi, per poterne godere anche domani.

WWF's Earth Hour 2013

In particolare, ci prendiamo cura del pianeta terra per ciò che riguarda gli aspetti afferenti al climate change, promuovendo studi su queste tematiche, contribuendo alla messa in sicurezza di territori a rischio e realizzando attività di sensibilizzazione ed educazione in campo ambientale.

Le nostre società in Cina, India, Hong Kong e Dubai hanno aderito all’iniziativa WWF Earth Hour 2013, finalizzata a sensibilizzare la popolazione sul problema del climate change, spegnendo le luci dei loro uffici per un’ora nella giornata del 23 marzo e incoraggiando i propri dipendenti e i clienti ad aderire all’iniziativa anche a livello individuale.

In Cina l’iniziativa è stata veicolata attraverso un blog e con delle email ai dipendenti con cui sono stati incoraggiati ad adottare comportamenti sostenibili. Per ogni giorno della settimana sono stati forniti suggerimenti pratici, come mangiare più verdure, utilizzare borse della spesa riciclabili, ecc., con l’obiettivo di far diventare queste piccole azioni delle abitudini volte alla protezione dell’ambiente.

In Germania, collaboriamo con il Centro di Educazione Ambientale di Licherode che offre dei programmi educativi per i bambini e insegnanti sul tema dello sviluppo sostenibile. I bambini dai 6 ai 14 anni possono partecipare a dei campi scuola della durata di una settimana in un villaggio costruito interamente con criteri ecologici, dove hanno la possibilità di vivere a contatto con la natura, sperimentare l’agricoltura biologica e conoscere le biodiversità. I temi affrontati in questi laboratori all’aperto sono: gli habitat, le materie prime, le risorse naturali, il riciclaggio dei rifiuti, il cibo e l’agricoltura.

Riteniamo altrettanto importante agire per preservare, insieme alla natura, anche l’immenso patrimonio artistico e culturale accumulato dall’uomo nei secoli.

Su questo fronte nel 2013 in Italia, in partnership con la Fondazione Pro-Venezia, sono stati effettuati i lavori di restauro della Cappella dei Tessitori nella Chiesa dei Gesuiti a Venezia e delle opere degli artisti Carpoforo Tencalla e Abbondio Stazio.
A Vienna Generali Foundation rappresenta un esempio di impegno nella salvaguardia della cultura contemporanea degli anni ’60 e '70 con un focus sulle tendenze concettuali. Si tratta di una raccolta di 2.100 opere di 250 artisti internazionali, cui si aggiungono un importante archivio documentale e una biblioteca; di particolare rilievo la videoteca composta da 500 fra film e video di artisti. Generali Foundation organizza inoltre mostre d’arte ed eventi artistici, pubblica testi sul tema dell’arte e recupera beni artistici.

Assicurazioni Generali S.p.A. - C.F. e P.IVA 00079760328