L’impegno per i nostri azionisti

La valorizzazione dell’investimento dei nostri azionisti si conferma tra i nostri interessi prioritari e nell’ultimo anno è stata perseguita attuando una rinnovata politica industriale volta ad assicurare, oltre al raggiungimento dei target finanziari fissati e una maggiore redditività del business, anche un adeguato ritorno economico a chi ha posto la sua fiducia nel Gruppo Generali. A conferma di ciò, per l’esercizio 2013 il Gruppo ha deciso di proporre agli azionisti un dividendo per azione pari a 0,45 euro, oltre il doppio rispetto a quello distribuito nel 2012, grazie al quale possiamo dire che stiamo mantenendo la promessa fatta agli azionisti di impegnarci ad aumentare la redditività del loro investimento.

Politica dei dividendi
 2010201120122013
Dividendi (in milioni di euro)701311311701
Dividendo per azione (in euro)0,450,200,200,45

Tra gli azionisti di Generali ci sono anche investitori che adottano criteri etici di investimento. La quota di capitale sociale da essi complessivamente detenuta è rimasta stabile intorno al 3% ed è principalmente costituita dalla quota di Norges Bank Investment Management (1,69%), la divisione della banca centrale che gestisce il Fondo Pensione Governativo Norvegese, seguita da quella del fondo pensione per dipendenti pubblici americani California Public Employees' Retirement System (0,26%), cui si aggiungono quote minori possedute da altri investitori istituzionali e fondi pensione soprattutto europei.

Inoltre, uno studio di Nasdaq OMX, una società di consulenza per servizi finanziari, mette in evidenza come circa il 75% delle
azioni gestite dagli investitori istiuzionali di Generali siano detenute da enti firmatari di almeno uno di quattro importanti accordi internazionali sugli investimenti responsabili (United Nations Principles for Responsible Investment, Institutional
Investor Group on Climate Change, UK Stewardship Code e CDP). Questo dato è indicativo di una certa attenzione posta ai temi dalla sostenibilità anche dalla maggior parte degli investitori che non si definiscono primariamente etici, che ne fa un pubblico comunque interessato a conoscere il nostro impegno nella responsabilità sociale e i risultati ottenuti.

I risultati molto positivi, sia in termini finanziari che di sviluppo del business, raggiunti da Generali nel 2013 nonostante le condizioni del mercato ancora sfidanti, sono il frutto di un costante impegno per realizzare la chiara visione che ci siamo posti, sfruttando al meglio la forza della disciplina, della semplicità e della focalizzazione sul business assicurativo, i princìpi che guidano la nostra strategia e le nostre azioni.

Un chiaro segnale della solidità intrinseca del nostro Gruppo è dato dai rating attribuiti dalle principali agenzie di rating internazionali, tra i quali spicca la conferma del rating A- da parte di Standard & Poor’s nei primi mesi del 2014. È questo un risultato particolarmente significativo, ottenuto in seguito al test sulla solidità di Generali in uno scenario di crisi estrema, segno che il nostro bilancio viene ritenuto forte e in grado di resistere a circostanze particolarmente avverse.

Parallelamente, continuano a migliorare anche i rating attribuiti da agenzie specializzate su tematiche di sostenibilità, che sempre più numerose considerano gli strumenti finanziari emessi da Generali come investimenti socialmente responsabili (SRI). Nel 2013 i risultati raggiunti nei vari ambiti della responsabilità sociale hanno portato alla conferma di Generali in molti tra i più prestigiosi indici etici, tra cui FTSE4Good, NYSE Euronext Vigeo Europe 120 e gli indici ESG MSCI, nonché all’inclusione nel CDP Global 500 Climate Performance Leadership Index (CPLI).

Nei rapporti con la comunità finanziaria, la massima trasparenza nell’informazione rappresenta per noi uno degli aspetti fondamentali. Le relazioni con investitori istituzionali, analisti finanziari e agenzie di rating si stanno intensificando e avvengono, oltre che con la pubblicazione dei risultati finanziari, di comunicati stampa e altre comunicazioni in seguito a cambiamenti di rilievo nella compagine societaria, anche attraverso incontri con il Top Management e i membri dell’ufficio Investor Relations (roadshow e conferenze di settore). Inoltre, viene organizzato di norma una volta all’anno l’Investor Day, un importante evento che presenta in maniera approfondita i principali obiettivi strategici, l’andamento delle nostre linee d’affari e i risultati conseguiti.

Numerose sono anche le richieste che ci pervengono da operatori specializzati nell’analisi ESG, volti a conoscere maggiori dettagli sull’impegno e le performance socio-ambientali del Gruppo e sulla sua governance, e da parte di investitori dedicati alle tematiche SRI, al fine di valutare l’aderenza ai criteri definiti per considerare l’investimento nel titolo Generali come socialmente responsabile. Il dialogo con analisti, investitori e agenzie di rating etici, gestito con il supporto della funzione Corporate Social Responsibility, avviene principalmente tramite call e video conference e richieste di compilazione di questionari.

Alla comunità finanziaria viene data la possibilità di comunicare direttamente e in ogni momento con la Società attraverso il team di Investor Relations. Infine, il sito internet di Gruppo www.generali.com contiene una serie di informazioni utili a beneficio del pubblico e degli analisti, relative sia alla parte finanziaria sia alle diverse tematiche di sostenibilità.

Assicurazioni Generali S.p.A. - C.F. e P.IVA 00079760328